Verso gli Oscar 2021 3/4

Terzo appuntamento dedicato all’Academy Award! Questa settimana cinque titoli che sono valsi al protagonista il premio come miglior attore:
1. Ben-Hur: premio Oscar come miglior attore protagonista al grande Charlton Heston nel 1960. Il capostipite dei kolossal biblici che racconta la vita di un principe ebreo, Ben-Hur appunto, che si svolge parallelamente a quella di Gesù che, seppur fugacemente, appare per tre volte durante il film. Iconica la corsa delle quadrighe al Circo Massimo di Gerusalemme.
2. Il colore dei soldi: sequel de “Lo spaccone”, film d’annata con protagonista Paul Newman nei panni di Eddie lo Svelto Felson. La seconda interpretazione del mago del biliardo vale nel 1987 un Oscar come miglior attore all’affascinante Newman, coadiuvato da un giovanissimo Tom Cruise fresco di diploma alla Top Gun (1986). Lo scafato ma ormai vecchio Eddie conosce il giovane Vincent Lauria, tanto abile al biliardo quanto spocchioso e saccente nella vita. I due, accompagnati dalla bella Carmen, viaggeranno per gli USA con l’intento di truffare chiunque capiti a tiro, grazie alla loro abilità con la stecca.
3. Philadelphia: straziante dramma ambientato nell’omonima città della Pennsylvania. Tom Hanks è Andy Beckett, un abile avvocato che viene licenziato ingiustamente dallo studio in cui è associato a causa della sua malattia: l’AIDS. Impossibilitato a perpetrare la causa, nonostante le sue doti, chiede aiuto ad un avvocato specializzato in risarcimenti, Joe Miller. La situazione di Andy, legata al terrorismo e all’ignoranza riguardo l’AIDS che dilagava negli anni ‘90, fanno tentennare Joe nell’accettare il lavoro. Un casuale incontro in biblioteca fa cambiare idea a Joe, che dedicherà anima e corpo per far risarcire Andy e riabilitarlo nella comunità. Preparate i Kleenex, ci sarà da piangere.
4. Rain Man – L’uomo della pioggia: già vincitore nella stessa categoria per Kramer vs Kramer, Dustin Hoffman riceve la seconda statuetta per questa pellicola che tratta il tema dell’autismo. Charlie Babbitt, uno spigliato venditore di auto di lusso (ancora Tom Cruise nel giro di pochi anni in un capolavoro cinematografico? Ebbene sì!), alla morte del padre milionario, viene a sapere che l’intero patrimonio è andato ad un fiduciario sconosciuto. Deciso a ricevere la sua eredità, comincia ad indagare e scopre che in una struttura che ospita persone con insanità mentale c’è suo fratello, Raymond, un uomo adulto affetto da autismo. Charlie, più interessato all’eredità che all’uomo, decide di portarlo via con sé in modo da poter ricevere almeno metà dell’enorme somma lasciata dal padre. Ma…
5. Joker: premio Oscar a Joaquin Phoenix, nel 2020, nei panni della nemesi di Batman, il villain per eccellenza, il folle e terrificante Joker. Arthur è un uomo adulto con problemi psichici che vive con la madre in una Gotham City sull’orlo del baratro tra povertà e criminalità dilaganti. Una rapida successione di eventi trascineranno il fragile uomo verso la disperazione e la pazzia più totale. La storia del nostro protagonista si lega inevitabilmente a quella del giovane Bruce Wayne, suo nemico giurato per il resto della vita.