Personaggi maschili della mitologia greca – Parte II

Eccoci al secondo appuntamento sui principali personaggi maschili della mitologia greca. Oggi vedremo: PERSEO, ERACLE, TESEO, ACHILLE.

PERSEO

Figlio di Zeus e della bella Danae, crebbe con sua madre alla corte del re Polidette. Con grande astuzia, riuscì ad ottenere dalle orride Graie le armi necessarie per uccidere Medusa, che con lo sguardo poteva trasformare gli uomini in pietra. Le tagliò la testa e la conservò in una sacca per usarla come arma durante le sue avventure. Sposò la bella Andromeda dopo averla salvata da un terribile mostro e con lei regnò su Tirinto.

FORZA: ****

BELLEZZA: ***

ARMA SPECIALE: la testa di Medusa

ERACLE

Il suo nome romano era Ercole. Figlio di Zeus, diede prova di una forza straordinaria sin dalla nascita. Per espiare un delitto di cui si macchiò in un momento di folle rabbia, si sottopose a una lunga serie di imprese impossibili note come le “dodici fatiche di Eracle”.

FORZA: *****

BELLEZZA: ****

ARMA SPECIALE: forza sovrumana

TESEO

Figlio di Egeo, re di Atene, Teseo fu abbandonato dal padre ancor prima di nascere. Forte e determinato, affrontò gloriose imprese e ottenne di essere riammesso alla corte del padre. Qui, smascherò la perfida Medea prima di partire per Creta, dove sconfisse il Minotauro e si innamorò di Arianna.

FORZA: ****

BELLEZZA: ***

ARMA SPECIALE: la spada del padre Egeo

ACHILLE

Era il figlio di Peleo e della ninfa Teti. Alla nascita fu immerso dalla madre nelle acque del fiume Stige, che rendevano invulnerabili. Ma la madre dimenticò di immergere anche il tallone. Achille diede prova di grande forza durante la guerra di Troia. Dopo aver eliminato molti nemici, morì trafitto al tallone da una freccia avvelenata scoccata da Paride. Le sue gesta sono narrate nell’Iliade di Omero.

FORZA: ****

BELLEZZA: *****

ARMA SPECIALE: invulnerabilità