Gigolò per caso

Gigolò per caso

L’amore a New York City

Questa settimana voglio parlarvi di una deliziosa commedia dai toni agrodolci, con protagonista (e regista!) John Turturro. Il cast annovera tra le sue fila mostri sacri come Woody Allen, Sharon Stone e Liev Schreiber. Turturro è Fioravante, un fioraio sognatore, non troppo bello, che abita e lavora a New York. Per aiutare il suo grande amico Murray – Allen ‒ a salvare la libreria di famiglia dal fallimento, accetta di fare il gigolò, dato il suo famigerato talento con le donne. Il nostro protagonista ha subito enorme successo tra le sue facoltose clienti e il denaro non tarda ad arrivare. Tutto sembra filare liscio per il duo, fin quando Murray mette in contatto Fioravante con Avigal, la bella vedova di un rabbino da poco deceduto, evento che sconvolgerà non solo la comunità ebraica a cui lei appartiene, ma anche la vita professionale e sentimentale di Fioravante.

Il commento

Questo film è una squisita commedia romantica che riesce a trattare tematiche non facili come l’amore, la morte e il sesso con una ironia garbata, impreziosita da una sontuosa ma squisitamente delicata colonna sonora (che vi consiglio vivamente di cercare su YouTube!). Guardando la pellicola, verrete coccolati da note soavi e vibranti che oscillano tra il Jazz e il classico italiano, fino ad arrivare ai sensuali ritmi latineggianti che vi catapulteranno all’istante in qualche American Bar sulla Fifth Avenue in una fresca serata autunnale. La sensazione che ho avuto guardando questo film è stata quella di essere proiettato all’interno della New York “bene”, tra aperitivi in terrazza ed emozionanti incontri inaspettati. A questo proposito, un plauso va fatto ai meravigliosi tramonti offerti da madre natura, che inondano lo skyline della Grande Mela e che si ritrovano nei toni aranciati degli interni, abilmente illuminati dall’ottima fotografia. Gigolò per caso è uno di quei film che, una volta arrivati alla fine, ci fa venire una gran voglia di prendere il primo volo per New York e vivere, sentire e toccare con mano quell’eccitante sensazione di sentirsi al centro del mondo, che solo New York sa dare. Il film riesce farci sentire il profumo delle foglie che cadono dagli alberi, a immergerci nel frastuono del traffico del centro città e a stupirci attraverso le vertiginose panoramiche visibili dagli appartamenti nei grattacieli. Trasmettere tali sensazioni attraverso una commedia tutt’altro che impegnata è ‒ a mio modesto parere ‒ un merito non da poco che dobbiamo assolutamente riconoscere all’ottimo regista. Potete trovare Gigolò per caso su Rai Play, mentre la colonna sonora su YouTube digitando “Fading Gigolò Soundtrack” nella barra delle ricerche. Buona visione e BUON VIAGGIO!